Scuola


LEZIONI DI

LINGUA ITALIANA

PER NON ITALOFONI

n°3

L’ALFABETO ITALIANO

L’alfabeto Italiano:)Alfabeto  è il nome che si è dato all’insieme dei segni grafici che indicano i diversi suoni del linguaggio italiano.  La parola alfabeto deriva da alpha (a) e beta (b) che sono le due prime due lettere dell’alfabeto greco,perché furono propri i greci ad inventare l’alfabeto che poi introdussero in Italia nelle loro colonie.. L’alfabeto italiano  ‘ composto da ventuno (21) lettere di cui cinque hanno un proprio suono e sono le seguenti .a, e, i, o, u , chiamate vocali. le altre lettere sono chiamate consonanti  tutte le lettre dell’alfabeto italiano hanno una forma grande (Maiuscola) ed una forma piccola (minuscola) e ciascuna  a un proprio nome

lattere maiuscole  ………………… lettere minuscole ……………………….nome delle lettere

A                                                        a                                                        a

B                                                        b                                                         bi

C                                                        c                                                         ci

D                                                       d                                                         di

E                                                        e                                                         e

F                                                         f                                                          effe

G                                                        g                                                          g

H                                                         h                                                         acca

I                                                           i                                                           i

L                                                          l                                                          elle

M                                                        m                                                        emme

N                                                         n                                                         enne

P                                                          p                                                         pi

Q                                                         q                                                         cu

R                                                          r                                                         esse

T                                                          t                                                          ti

U                                                          u                                                         u

V                                                           v                                                          vi

(W )                                                     (w)                                                        vu

X                                                          (x)                                                         (ics)

Y                                                           Y                                                          (ipsilon o i greca)

Z                                                            z                                                          zeta

2)      la consonanti devono essere unite al suono delle vocali : , mentre la lettera h è una lettera che si dice muta  non avendo suono e quindi non si considera né è vocale né consonante, ma serve  a distinguere le voci del verbo avere come ho, hai; ha,hanno dalle parole o, ai a anno (che fanno , pero sempre parte della grammatica italiana ed hanno lo stesso suono dei verbi  ma diverso significato es: o , ai, a, anno.

Le consonanti c ha un suino dolce quando è seguito dalle vocali e, es.:ce (cena)  ci (Cina); ge (getto ) g  giro

Per rendere duro il suono ce ci , ge, gi  poniamo dopo la consonante la lettera muta es: che,china ghetto  ghiro……

Si Usa invece la lettera maiuscola  delle lettere dell’alfabeto  con

1)nomi propri di persona , di animale . con i nomi geografici , con i cognomi , i soprannomi  i nomi dei secoli

es  Giovanni è mio fratello; Laika è i lo mio cane: Firenze e Roma sono due bellissime città.

2)

2) con i nomi di autorità( civili e  religiose ) ma non quando sono accompagnati dal nome proprio es . Il pontificato di papa PIO IX° durò molti anni)

3) Con nomi di solennità Religiose e civili es la Pasqua , il Natale , la Befana…..La Madeonna l La vergine Maria Il Cristo ; Gesù..ecc

4) Con i nomi di  popolo  i Romani , I Greci ; Gli Egiziani , I Fraìncesi, ma non quando vengono usati come aggettivi (i popoli latini , gli eserciti sanniti ).Ma ,si possono però trovare anche nomi di popolo  scritti anche  con la lettera minuscola p.

5) Con titoli di libri , opere  d’arte , intestazioni di giornale ecc ecc.

6) Con sigle di  industriali , società , ecc.

7 Con i numeri romani : C(=100), D (500), I , II, II, IV, V, Vi , VII, VIII ;IX, X.. ecc

All’Inizio n di un periodo : dopo il punto  fermo(.) , ma anche dopo il punto esclamativo(!) ed interrogativo(?)

Gli antichi Romani usavano solo mlettere maiuscole  nelle iscrizioni  e possiamo ancora oggi leggere una loro iscrizione incisa nel I° secolo d.C: sull’arcoo dell’imperatore Tito  a Roma:

SENATUS                 =                  Il senato

POPVLVSQUEROMANUS =  e il popolo romano

DIVOTITODIVESPASIANI = al divino Tito del divino Vespasiano (figlio )

VESPASIANO AUGUSTO Vespasiano Augusto – (Sottinteso: dedicano questo arco trionfale)

Compito   : 1) la lettera J è posta  tra : la , e , la     ?

la lettera K  è posta prima della e  , do la….  ?

lettera W  viene dopo la e prima della……… ?

la lettera x si trova la: la, …e …la

2)      Metti in ordine  alfabetico le seguenti città. Johannesburg, londra, Woshington, Tunisi, Rio de Jaineiro,       Quiebec, Mosca,  Quebec, Mosca  YOrc Honolulu, Ne York  Parigi Atene Edimburgo  Kioto  Indianapolis  Toledo  Granatdas  San Paolo

3 ) metti in ordeine alfabewtrico  i seguenti termini  : jungla, Yarda, Kaki,  zimbello , idiota, Harem, giurua, iella,  Xenofobo,  Taxi,  Hobby, Joll, xilofono,  Jeans,  YToga, noia, tuorlo, quadro, , cuoio,  derby, ziginato, , ustione,  acquavite,  saqfari,  wear,  YACHT, watt, jockey, elaborare, vortice .

4) Quali nomi tra quelli elencati richiedono l’iniziale maiuscola?

cardinale mazzarino, caos, citta del messwico, comune di genova, epifania , l’unione sarda , tevere, scuola, popoli russi , inglesi , avvocato bianchi , anniversario  della repubblica, questrura , farmacia , sc uola, media, cittadini inglesi, lanerossi, Juv entus , giusaeppe, fido, grecia, università , il resto del carlino.

5)  LE VOCALI——

era una gròtta  cosparsa di  polvere  minutissima , una séta , in cui restavano impronte dei nostri piedi.  Ci si arrivava all’improvviso , appena finita la traccia del sentiero. G.: Bonaviri nel  passo  sono messe in evidenza  tutte e cinque le vocali (a,e,o,= tre forti ; i, u due deboli) che nell’alfabeto  italiano si susseguono nintercalate con le consonamti , in tale ordine. .a e i o u  ma i suoni ad esse corrispondenti in effetti sono sette  perché le vocali e o, , quando sono toniche (cioè quando su di esse si posa la voce possono essere pronunciate  con due timbri  diversi , uno aperto,  largo) e uno chiuso ( o stretto)

il rimo si indica  con l’accento fonico grave è ò=tre forti ;iu= Due deboli che nell’alfab etro si susseguono n intercalate  con le consonanti , in tale ordine.: a e i o u  , e quindi possiamo rilevare che i suoni corrispondenti ad essi sono sette , in quanto le vocali  e, o , quando sono toniche (cioè quanto su di esse  si posa la voce) possono essere pronunciate  con due timbri diversi , uno aperto largo e uno chiuso (o stretto9 :  Il primo si indica  con l’accentro fonico grave (è  ò es, sentièro , gròtta)  (è o es. Sèta)

ombrello, cappello  basco  cilindro  . cappello religioso,  basco capplle con piuma  cappello da donna con fiori

busata  cestino     sa

borsa , borsa tracollo occhiali  occhialini  borsa della spesa  valigia occhiali  da vista occhialini

LEZIONI DI

LINGUA ITALIANA

PER NON ITALOFONI

n°2

Unita 1. FORME E COLORI :Affermazione  e negazione  rispetto  ai colori  e alle forme : Lettura e comprensione di brevi testi sull’argomento Analisi  di una foto  per identificare  forme e colori  nel paesaggio rappresentato Produzione di immagini  fantastiche , si sperimenta  il prima ed il dopo  nel mondo dei colori . e poi  in una serie  di oggetti , nel mondo dei colori :

E’ ……………………………………………..NON E’ :

arcobaleno

VIOLETTO, INDACO, AZZURRO, VERDE, GIALLO, ARANCIONE, ROSA / ULTRAVIOLETTO, ULTRA ROSsoo

mETEORA CHE SI VEDE NEL CIELO DOPO LA PIoggia  DI RISCONTRO AL SOLE, UN ARCO DI COLORI DELLO SPETTRO SOLARE ED è PRODOTTO DAI  rAGGI DEL SOLE CADENTI SU GOCCE D’ ACQUA.

DISEGNA UN ARCOBALENO

colori dell’arcobaleno

l’aZZURRO , L’INDACO, L’AZZURRO, IL vERDE  il GIALLO l’ARANCIONE L’uLTRACIOLETTO,l’uLTRAROSSO

2)

Articoli Determinarivi ED INDETERMINATIVI  si mettono davanti ai nomi  per MEGLIO INDICARLI

gliarticoli determinativi sono: IL, Lo, l’, la, le  ,gli  Indetrerminativi un, uno, un’ una .

 

ES : LA BANANA è GIALLA

lE CILEGIE SONO ROSSE iL MARE è AZZURRO

IL PRATO è VERDE , IL SOLE è GIALLO  lO ZAINO è MARRONE, LE SCARPE SONO NERE , LA VELA DELLA NAVE è BIANCA ,LE CASE SONO  COMODE , L’ELEFAnTE NON è BASSO, IL SERPENTE  è VELENOSO L’ACQUA NON è SPORCA  ………

E’……………………………………NON E’………………………..

NON E’             ……………………………E’

NOMI  propri:

  • Pietro
  • Giovanni
  • Arafat
  • Daniele
  • Samuele
  • Giuseppe
  • Carlo
  • Maria

 

LEZIONI DI

LINGUA ITALIANA

PER NON ITALOFONI

n°1

IO M I CHIAMO LUCIANA , TU TI CHIA MI…….

io mi chiamo Luciana, tu ti chiami…..?

IO SONO DI SESSO FEMMINILE : SONO UNA FEMMINA; UNA DONNA,

IO SONO DI SESSO MASCHILE : SONO UN MASCHIO

io sono di sesso maschile,sono un maschio

Tu sei di sesso maschile o femminile?

TU SEI DI SESSO MASCHILE O FEMMINILE ?

IO sono di sesso maschile

IO SONO DI SESSO MASCHILE

Io non sono maschio

Io non sono donna

io sono Carmela e non sono Luciana

IO SONO CARMELA E NON SONO LUCIANA

  1. Io non sono maschio , sono una donna

IO NON SONO MASCHIO SONO UNA DONNA

TU COME TI CHIAMI

tu , come ti chiami………..

A,B, C, D, E, F, G, H, I , L, M, N,O, P,Q, R, S,T, U, V, Z;

a, b, c, d , e, f, g, h, i. l, m, n,o, p. q, r, s., t, u,v,z

Le lettere dell’alfabeto sono 21  Le vocali sono 5:

A,o u, i, e – tutte le altre lettere si chiamano consonanti. Le  parole si formano con le consonanti e le vocali

Le PAROLE SI FORMANO CON  LE CONSONANTI VOCALI ES:

MAMMA , MARE  MILANO, sole, SOLE,  FIORE ; CIELO, LUNA, STELLE

Le parole si formano con le consonanti e le vocali es: mamma , mare, Milano, fiore, cielo,luna , stelle

Le vocali sono cinque (5) a,e,u,i,o ; A,E,U,I.O.

Le consonanti sono.A,B,C, D,F, G, H,L, M,N,P, Q, R, S,U, T, U, Z.

IO SONO………….

IO NON sono……..

IO Sono……….

Io non sono…

Scrivi , ora tu L’ alfabeto italiano…….